La provincia Bergamasca è una delle più popolose d’Italia.

Ha una superficie di 2.723 Kmq, una popolazione residente di circa un milione e cento mila abitanti e ci sono ben 244 comuni.

Il territorio Bergamasco è normalmente suddiviso in 10 aree omogenee:

  • 1- Bergamo Città
  • 2- La Val Brembana
  • 3- La Valcalepio
  • 4- La Val Cavallina
  • 5- La Val di Scalve
  • 6- La Val Imagna
  • 7- La Val Seriana
  • 8- Il Sebino
  • 9- L’Isola Bergamasca
  • 10- La Pianura Bergamasca

1- Bergamo Città

Bergamo è divisa in due parti distinte e denominate: “Citta Alta” e “Citta Bassa”.

Bergamo Alta (anche detta Città Alta) è di origine medioevale e completamente circondata da bastioni difensivi eretti ai tempi della Repubblica Veneta (seconda metà del ‘500) ed ancora pressoché intatti.

La parte più conosciuta di Città Alta è “Piazza Vecchia” da cui è possibile ammirare: il Palazzo della Ragione, la Torre Civica, il Duomo, la Cappella Colleoni, il Battistero e la Fontana Contarini.

Città Bassa invece è caratterizzata dalla presenza di alcuni borghi, nati e cresciuti lungo le principali vie di comunicazione che scendendo dai colli verso il piano.

I più conosciuti ed antichi sono: Borgo Canale, Borgo San Leonardo, Borgo San Tomaso, Borgo Santa Caterina, Borgo Pignolo e Borgo Palazzo.

2- La Val Brembana

Deve il suo nome al fiume Brembo, che la atraversa interamente.

Mentre il fondovalle è urbanizzato in modo diffuso, le pendici della valle presentano i tipici paesaggi pre-alpini e l’alta valle si caratterizza per un ambiente di tipi montano.

La Val Brembana confina  con le province di Sondrio e Lecco, oltre che con le Alpi Orobie (dalle quali nasca lo stesso fiume Brembo), la Val Seriana e la Val Imgna.

Il fiume Brembo, dopo aver percorso la valle per tutta la sua lunghezza, prolunga il suo percorso sino a gettarsi nel fiume Adda (affluente del Po)

3- La Valcalepio

Caratterizzata da un clima particolarmente mite e terreno fertile, questa valle è vocata alla viticoltura.

I terreni sono prevalentemente di tipo scisto-argilloso  o argillo-calcarei.

Il vino più noto della zona è il Valcalepio Rosso, prodotto da uve Merlot e Cabernet-Sauvignon, ma molto conosciuti sono anche il Valcalepio Bianco, il Moscato Passito ed il Valcalepio Rosso Riserva.

4- La Val Cavallina

La Val Cavallina, lunga circa 30 Km,  è attraversata la valle del fiume Cherio,

La parte più a Nord (piuttosto stretta) è fortemente influenzta, sia da un punto di vista climatico che economico, dalla presenza del lago di Endine.

La parte più a sud è invece influenzata dal fiume Cherio, che nasce dal lago di Endine (vicino a Monasterolo del Castello)

5- Val di Scalve

Situata nella parte nord-orientale della Provincia di Bergamo. questa valle è attraversata dal fiume Dezzo.

Tra i comuni più noti della valle:  Colere e Schilpario, due famose stazioni di sport Invernali.

Vilminore di Scalve è invece il centro principale della Valle.

6- La Val Imagna

Questa valla, sul fondo della quale scorre il torrente Imagna, confluisce sul lato destro della Val Brembana.

Il suo territorio è suddiviso in sedici paesi ed ancor oggi, sono visibili numerosi castelli e fortificazioni.

7- La Val Seriana

E’ la valle del fiume Serio, che la traversa per  circa 50 chilometri,  in direzione nord-est.

Il fondovalle è  urbanizzato e sede di importanti insediamenti industriali, in particolare del settore tessile, mentre i pendii vedono la presenza di numerosi santuari (in particolare Mariani).

8- Il Sebino

Questa zona deve il proprio nome al lago d’Iseo o Sebino.

Questo importante lago, che ha una superficie di circa 65 km², ospita la più grande ed alta isola lacustre d’Italia: Monte Isola.

La principale attività economica della zona è il turismo; Iseo, Sarnico e Lovere sono i comuni più noti.

9- L'Isola Bergamasca

Territorio prevalentemente pianeggiante, di forma triangolare e confinante su due lati con i fiumi: Brembo ed Adda.

Densamente popolata, questa porzione di territorio bergamasco è economicamente florida e fortemente industrializzata.

10- La Pianura Bergamasca

La Bassa Bergamasca, anche detta Pianura Bergamasca, è una zona pianeggiante posta a sud della provincia.

L’economia è tipicamente agricola, anche se vi è la presenza di importanti insediamenti industriali.